"Due famiglie unite da un programma Exchange"

“Tutto è iniziato quando Francesca, mia figlia, torna da scuola euforica ed eccitatissima perché una sua amica le parla del programma AFSAI Exchange Student per trascorrere un anno all’estero, in particolare negli Stati Uniti. Per lei, curiosa del mondo, amante dei viaggi, la conoscenza di nuovi posti e realtà e di fare nuove amicizie rappresentava il massimo. Ma io ero terrorizzata e non riuscivo ad immaginare un anno senza mia figlia: Come farà con il cibo? Le piacerà? Se le verrà la febbre? Come farà senza me? Prendere l’aereo tutta sola affrontando il viaggio …. ha solo 16 anni!                                                                                            

Pensavo che facendo passare un po’ di tempo e spiegandole cosa comportasse la nostalgia, la difficoltà di non conoscere bene la lingua, di dover studiare e seguire le lezioni in Inglese, di non avere i genitori vicini ad aiutarla nelle difficoltà, potesse avere un ripensamento, ma niente da fare ….cosi’ non è stato!! Iniziamo l’iter con AFSAI: test d’ inglese, incontri, moduli da compilare, da parte mia mille telefonate alla responsabile del programma la quale con molta pazienza mi ha sopportato e supportato, facendo passare ogni mio timore… non ci siamo mai sentiti soli, dall’inizio fino alla fine dell’esperienza.

Quanto è successo in seguito è stato solo piacevolmente sorprendente!

Conosciamo finalmente la famiglia ospitante e combiniamo un primo incontro via Skype ed è stato “amore” a prima vista. Francesca affronta con gioia e determinazione il suo viaggio verso l’America nello stato dello Utah, viene accolta in famiglia come una figlia da questi amorevoli genitori e come sorella maggiore dai tre bambini di 12, 9 e 3 anni. Tramite Skype, Whatsapp messaggini e cuoricini eravamo in costante contatto (solo una volta a settimana come raccomandato da AFSAI) sentendoci partecipi dei suoi progressi. Ciò ha attenuato notevolmente il distacco da lei e ci ha legato notevolmente alla famiglia americana tanto da conoscerli personalmente in occasione del rientro di Francesca…..siamo andati anche noi nello Utah e in seguito loro sono venuti in Italia!!!!                                                                                                                                                   

Abbiamo subito piacevolmente constatato i miglioramenti e la crescita di Francesca: è più consapevole e responsabile, è maturata ed ha capito il sacrificio che abbiamo affrontato, e non solo dal punto di vista economico. Ha capito il vero significato della famiglia, si è integrata perfettamente adattandosi ad una nuova realtà, riuscendo a farsi amare ed apprezzare da tutti.  Ed ovviamente ha una ottima conoscenza sia scritta che parlata dell’ inglese.                              

E’ bellissimo il legame che si è creato con la famiglia ospitante, tutt’ora ci sentiamo e ci vediamo con Skype. Come dire….abbiamo parenti nello Utah!!!                                                                                                                     

Posso senz’altro dire in conclusione che è stata una esperienza fantastica per mia figlia ma anche per me che come mamma apprensiva avevo mille paure mentre ora ringrazio mia figlia di essere stata più intraprendente di me! 

Un’esperienza che consiglio di fare a tutti i ragazzi e….genitori!!

Loredana Di Fusco
Mamma Exchange 2016

Immagini correlate
“Two families became one, forever connected by one beautiful girl!”